Tre Comuni a sostegno di “Liberetutte”.

Tre Comuni a sostegno di “Liberetutte”.

 

VIOLENZE SULLE DONNE CONVENZIONE CON MONTECATINI, PESCIA E MONSUMMANO

«LIBERETUTTE», il centro antiviolenza della Valdinievole, ora può contare per le sue attività a sostegno delle donne e dei bambini vittime di soprusi, su nuove convenzioni sottoscritte con i Comuni di Montecatini e Pescia e, a breve, di Monsummano. «Un grazie – dice la responsabile di “Liberetutte”, Giovanni Sottosanti – va a Cristiana Bianucci per il suo impegno, come presidente della commissione pari opportunità di Montecatini, a favore della nostra attività e all’asistente sociale del Comune, Daniela Dami. Ora auspichiamo che la convenzione firmata con i Comuni più popolosi della zona porti a una collaborazione anche con tutti gli altri enti della Valdinievole. Collaboriamo già anche con l’area pistoiese per l’accoglienza delle donne e dei figli nelle nostre case-rifugio». Liberetutte è l’unico centro antiviolenza accreditato della provincia di Pistoia e lavora in rete con gli altri centri toscani e italiani. Dal 2003 svolge un’attività di sportello e primo aiuto alle donne vittime di violenza (numero telefonico 340 6850751 attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18). Il centro dà anche assistenza legale, grazie alla collaborazione con due avvocati, una civilista e una penalista. «L’obiettivo – prosegue Sotrosanti – è creare anche nel nostro territorio una rete ufficiale e operativa di tutti i soggetti che a vario titolo intervengono nei casi di abuso. L’accordo con i tre Comuni è un segnale incoraggiante per muoversi in questo senso». «Liberetutte – interviene Bianucci – è una realtà importante e competente che già tanto ha fatto nel nostro territorio: questo riconoscimento dei Comuni ha l’obiettivo di dare un riconoscimento e un aiuto per promuovere la loro attività». «UN PROGETTO VALIDO in cui crediamo – aggiunge il vicesindaco Alberto Lapenna – e da sostenere: abbiamo stanziato intanto 6mila euro per la seconda parte del 2008. Altre risorse potranno essere messe a disposizione con il consolidamento del progetto e in base ai risultati». «Anche Pescia ha scelto di entrare in questa rete, attraverso l’istituzione comunale, che ha stanziato per il progetto 5mila euro – dice la presidente Guja Guidi – e ha già avviato una collaborazione proficua con Liberetutte e, a questo proposito, voglio ricordare l’impegno della nostra dirigente dell’area sociale, Luisella Gobbi».

 

di Cristina Privitera


Allegati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi