Liberetutte: presidio per ricordare Beatrice Ballerini uccisa dal marito

Liberetutte: presidio per ricordare Beatrice Ballerini uccisa dal marito

 

IL CENTRO antiviolenza «Liberetutte» e la Rete13Febbraio di Pistoia invitano la cittadinanza e le istituzioni pubbliche a partecipare al presidio che si terrà domani, giovedì 7 novembre alle ore 10 davanti al tribunale di Pistoia in piazza del Duomo, in occasione della seconda udienza del processo per l’assassinio di Beatrice Ballerini, uccisa il 13 dicembre 2012, e di cui l’unico accusato (reo confesso) è il marito. Massimo Parlanti. «Saremo in piazza per portare il nostro affetto ai familiari di Beatrice e per dimostrare che è finito il tempo delle donne violentate e uccise nel silenzio generale mentre gli uomini colpevoli dell’omicidio delle ‘loro’ donne godevano dell’indulgenza del comune sentire e anche delle leggi. Saremo in piazza per ribadire che queste morti non sono solo dolori privati ma fatti gravissimi che riguardano la collettività, che rappresentano l’esito estremo del rifiuto di certi individui, lontani dall’essere uomini veri, di accettare la nuova libertà femminile che sottrae le donne ai ruoli imposti dalla cultura patriarcale. Chi ci uccide non lo fa perché ci ama ma perché ci considera sua proprietà, non sa accettare rifiuti imprevisti e non è in grado di affrontare la propria inadeguatezza».


Allegati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi